Curiosità

Plusvalenze fittizie: attenta Juve, sta per scoppiare la bomba! La Procura indagini

Hanno fatto molto discutere le ultime operazioni di mercato della Juventus che è riuscita a piazzare in poche settimane giocatori di secondo piano a prezzi molto alti incassando circa 100 milioni di euro, la cifra sborsata per acquistare Ronaldo. 

 

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, lo scorso 10 marzo alla Domenica Sportiva aveva lanciato l’allarme:

È nostro compito attenzionare plusvalenze e scambi sospetti. Tutti gli scambi senza finanza vanno segnalati alla Procura e segnaleremo alle società di revisione se alcuni elementi danno sospetti, facendoli intervenire. E obbligheranno una svalutazione della plusvalenza fittizia.

I bilanci delle società di calcio rischiano di esplodere. Il fenomeno delle plusvalenze e il sintomo della crisi

E nel mirino della Procura finiranno le operazioni della Vecchia Signora: “Tra Sturaro al Genoa (18 milioni complessivi e 13 circa di plusvalenza), Cerri al Cagliari (9 milioni di cui 8,4 di guadagno netto) e Audero alla Sampdoria, che genera un impatto positivo di 19,9, il tesoretto che Paratici si è garantito in poco più di un mese ammonta a 41,4 milioni di euro”

Prima di questi tre, a lasciare la Juventus erano stati Rolando Mandragora e Mattia Caldara: il primo, passato all’Udinese per 20 milioni di euro, aveva fruttato una plusvalenza pari a 14,7 milioni, ma Marotta e Paratici si erano riservati di mettere come condizione la clausola di recompra. La strategia è vincente visto che, nelle ultime due sessioni di calciomercato, la società ha incassato la bellezza di 132 milioni di euro totali. Tra i tanti giocatori ceduti figurano anche Cristian Tello, il giovane Magnani del Sassuolo, Riccardo Orsolini e Mehdi Benatia. 

Share:
Gennaro Punzo

Lascia un commento